Cerca

Fontana del Nettuno

Fontane

Fontana del Nettuno


Fontana del Nettuno
Vai al sito Mappa
Condividi questo luogo

La fontana del Nettuno è una struttura in onore dell'omonima divinità, sita in piazza del Nettuno a Bologna: in ragione delle dimensioni, è soprannominata al Żigànt (il Gigante) in dialetto felsineo.

Frutto della collaborazione tra Giambologna e Tommaso Laureti, l'opera fu voluta da Pier Donato Cesi (1522-1586) per glorificare il governo pontificio del papa Pio IV e fu terminata nel 1566.

STORIA

La fontana fu voluta da Pier Donato Cesi, vicelegato pontificio a Bologna, per abbellire la nuova piazza del Nettuno (aperta dopo l'abbattimento di un gran numero di piccole costruzioni) con un'opera che simboleggiasse la magnificenza del buon governo pontificio di Pio IV. La commissione venne assegnata il 2 agosto 1563 al fonditore bolognese Zanobio Portigiani, all'architetto palermitano Tommaso Laureti (al quale venne delegata l'esecuzione della struttura architettonica dell'opera) e infine allo scultore fiammingo manierista Giambologna, incaricato di realizzare la statua bronzea del Nettuno e le parti scultoree con una retribuzione di mille scudi d'oro. Il tema del Nettuno, particolarmente in voga nelle fontane del Cinquecento, venne già affrontato dal giovane ma ferrato Giambologna nel concorso per la fontana di piazza della Signoria a Firenze, poi vinto da Bartolomeo Ammannati.

La fontana, inizialmente alimentata unicamente da un condotto proveniente dalla sorgente denominata fonte Remonda nei pressi della collina San Michele in Bosco, venne portata a compimento nel 1566. Prima che la fontana venisse terminata, nel 1563, venne edificata la Conserva di Valverde per incrementare l'alimentazione d'acqua, diventata insufficiente. Sebbene concepita con fini prettamente ornamentali, la fontana venne prontamente utilizzata dai bolognesi per scopi eminentemente pratici, in ragione dell'iscrizione «Populi Commodo» posta su uno dei lati del basamento. Fu così che la fontana del Nettuno venne presa d'assalto dai venditori di ortaggi della vicina piazza Maggiore, che la utilizzavano per pulire i propri prodotti, e dalle lavandare bolognesi che ivi accorrevano per lavare il proprio bucato. Neanche un provvedimento promulgato il 30 marzo 1588 (che sottoponeva quanti usassero la fontana come lavatoio a «cinquanta staffilate, oltre la perdita di vasi, bugate e ogni altra cosa» o a «tre tratti di corda» in base al sesso) riuscì a dissuadere i bolognesi dai loro propositi.

La situazione precipitò quando la fontana iniziò ad essere utilizzata illegalmente come vespasiano: complice il «grandissimo fetore» dovuto alle illecite minzioni, nel 1604 attorno all'opera venne innalzata un'alta recinzione, che effettivamente riuscì a prevenire atti di vandalismo e di indecenza. La cancellata venne poi rimossa dall'amministrazione comunale solo nel XIX secolo, precisamente nel 1888.

DESCRIZIONE

La fontana del Nettuno, definita dal critico d'arte Giulio Carlo Argan un «soprammobile da piazza», poggia su una base di tre gradini, al di sopra dei quali è collocata una vasca in macigno locale ricoperto da marmo di Verona. Al centro della vasca troviamo uno zoccolo fiancheggiato alla base da quattro nereidi che si sorreggono i seni, e decorato con emblemi pontifici, ornamenti di foggia fantastica e con quattro putti che reggono delfini, in riferimento del Gange, del Nilo, del Rio delle Amazzoni e del Danubio e, quindi, delle «quattro parti del mondo», cioè dei continenti allora conosciuti. Ebbene, al centro di questo piedistallo si erge maestosa la figura serpentiforme del Nettuno, frutto come già accennato dello scalpello di Giambologna che in questo modo realizzò una delle espressioni più tipiche della teatralità manieristica.

L'altezza della sola statua del Nettuno è di circa 320 cm. Un modello in bronzo della statua di dimensioni ridotte (cm. 78,4), è conservato a Bologna presso il Museo civico medievale.

Il Nettuno, che con grande slancio verticale e simmetria tende la mano sinistra contro il vento, quasi come se volesse placare i flutti, trasmette in realtà un esplicito messaggio di esaltazione dinastica del papa Pio IV, diventando in questo modo un simbolo del potere politico della Chiesa su Bologna: così come Nettuno domina le acque, il Papa domina il mondo. Il dio Nettuno, infatti, rimanda per via simbolica al potere che, sceso dal trono, dispensa ricchezza e fertilità intorno a sé; il riferimento è quindi a un governo munifico ma inviolabile, con lo sguardo dritto e fiero e non rivolto alla piazza (e quindi al volgo).

L'aneddotica bolognese narra inoltre di un particolare espediente messo in atto dal Giambologna, che intendeva trovare un modo per realizzare il Nettuno con i genitali più grandi, senza essere scoperto ed ammonito dalla Chiesa. Lo scultore, in questo modo, disegnò la statua in maniera tale che da una particolare angolazione il pollice della mano tesa del Nettuno sembri spuntare direttamente dal basso ventre, facendogli suggerire (eretto) il genitale; a prova dello stesso, nella pavimentazione della piazza è collocata una pietra nera, detta anche «della vergogna» posta in un punto ben preciso in piazza del Nettuno (per la precisione ai piedi della scalinata di ingresso della biblioteca Salaborsa) che ne agevola la visione.

Ai lati della vasca di marmo ci sono inoltre quattro iscrizioni in latino, tese a illustrare le finalità della fontana:

  • Fori Ornamento (fatta per ornare la piazza);
  • Aere Publico (fatta con soldi pubblici);
  • Populi Commodo (fatta ad uso del popolo);
  • MDLXIIII (eseguita nel 1564; la data, in realtà, è errata siccome l'opera fu portata a compimento nel 1566).

Sulla fontana sono incisi anche i nomi dei committenti, riportati in lettere capitali latine nei quattro cartigli posti tra le sirene:

  • Pius IIII Pont. Max (Pio IV Pontefice Massimo);
  • Petrus Donatus Caesius Gubernator (Pier Donato Cesi, Cardinale Vice Legato);
  • Carolus Borromaeus Cardinalis (Carlo Borromeo, Cardinale Legato);
  • S.P.Q.B. (Senatus Populusque Bonononiensis, ovvero il Reggimento di Bologna).

 

CURIOSITA

Il tridente della fontana ha ispirato ed è stato utilizzato dai fratelli Maserati come stemma per la loro prima vettura, la Maserati Tipo 26, per poi successivamente essere adottato come logo per la loro azienda.

Della fontana esistono diverse copie, come quella a Laeken, sobborgo di Bruxelles, voluta dal re Leopoldo II, quella a Palos Verdes Estates in California e quella a Batumi in Georgia. Esiste una copia della statua del Nettuno anche all'ingresso del museo navale Yamato di Hiroshima.
Un calco in gesso della statua del Giambologna, realizzato nel 1907, è invece custodito all'interno del Museo civico archeologico di Bologna.

Fonte: Wikipedia
0 recensioni

Nessun evento trovato

Nessun tour trovato