Cerca

Arco di Giano

Monumenti

Arco di Giano


Arco di Giano
Vai al sito Mappa
Condividi questo luogo

Situato al crocevia tra i Fori Imperiali e il Foro Boario, il monumento sorge in una zona che fu per secoli cuore di commerci in arrivo da tutto il Mediterraneo e dove sono presenti testimonianze di tutte le età di Roma antica, dall’età del ferro al XII secolo. Detto di Giano, risale al IV secolo è da identificarsi probabilmente con l’Arcus Costantini menzionato nelle fonti antiche. 

Nella vicina chiesa di San Giorgio al Velabro si conservano alcuni frammenti di un’iscrizione monumentale, che sembra alludere a un tiranno sconfitto da un imperatore: potrebbe quindi riferirsi a Costanzo II e alla sua vittoria su Magnenzio, o allo stesso Costantino. Recenti restauri dell’arco hanno reso nuovamente visibile un’iscrizione di cui rimangono le prime tre lettere: COS. 

Splendida testimonianza del gusto del IV secolo per i prospetti d’ingresso ornati di nicchie tra colonne pensili, l’arco è quadrifronte, quindi con quattro passaggi. Al centro delle arcate esterne sono raffigurate Minerva e Cerere in piedi, e Roma e Giunone sedute, i soli resti conservati della decorazione originaria.

Nel Medioevo l’arco fece da base a una torre dei Frangipane che chiusero i fornici e lo utilizzarono come una vera e propria fortezza. La torre fu demolita nel 1827 assieme ai resti, allora non riconosciuti, dell’attico originario che era in mattoni rivestiti di marmo. 

Trova gli alloggi nelle vicinanze

Nessun tour trovato