Cerca
Ficus al Massimo

Ficus al Massimo

Garum - Biblioteca e Museo della Cucina

manifestazioni

Ficus al Massimo

manifestazioni

Ficus al Massimo
EVENTO TERMINATO
Avvertenze Le informazioni sugli eventi sono soggette a modifiche. Controlla il link di dettaglio dell'evento per gli aggiornamenti più recenti riguardanti prezzi, disponibilità e date.
  • Data
    18/03/2023 - 19/03/2023
  • Orario
    10:00 - 21:00
  • Luogo
    Garum - Biblioteca e Museo della Cucina
  • Prezzo
    Gratuito
  • Vai al sito web
Garum - Biblioteca e Museo della Cucina
Via dei Cerchi, 87, 00186 Roma RM

ll 18 e 19 marzo dalle ore 10.00 alle 21.00 presso il Garum, Biblioteca e Museo della Cucina, sito in Via dei Cerchi 87, va in scena Ficus al Massimo.

Il bellissimo palazzo storico che ci ospita e che sorge sugli argini di terra del Circo Massimo – dove si ritiene fosse ubicato il Lupercale in cui Romolo e Remo, vennero allattati dalla Lupa – sarà il palcoscenico di un weekend all’insegna della cultura, dell’arte e dello svago a ingresso gratuito.

Tra antichi ricettari, utensili e macchine per preparare il cibo, potrete ammirare le eccellenze contemporanee del ‘fatto a mano’ e conoscere personalmente gli artigiani!

L’evento vedrà la partecipazione di giovani designers, artigiani, stilisti ed artisti dell’handmade, accuratamente selezionati, che avranno modo di esporre gioielli, moda sostenibile, accessori e borse di design o dipinte a mano, home decor, ceramica, bonsai, quadri organici, radio d’epoca Bluetooth e candele. Il tutto rigorosamente fatto a mano e in Italia.

L’esposizione è articolata per ambiti creativi in modo da creare un legame stretto tra cultura, arte e artigianato, tra storia e presente, in una valorizzazione reciproca.

Un percorso tra il profumo di storia che accompagna due piani e una corte di meraviglie con l’energia speciale che il ritmo gentile del fatto a mano custodisce.

Il Museo

Girando nel Museo potrai anche ammirare la più importante, eclettica e rara collezione privata di arti e letterature culinarie esistenti al mondo che si offre, gratuitamente, al pubblico.

Si può attingere a piene mani a immensi bacini di conoscenza, perchè come dice Rossano Boscolo, fondatore del Museo, la “Cultura si deve donare”

Libri rari di cucina e le prime ricette a stampa dei piatti più amati come la mortadella, i supplì, la zuppa inglese e migliaia di arnesi, pentole, arredi, che spaziano dagli stampi barocchi per il gelato di primo Seicento alle cucine a gas degli anni Cinquanta, dalle bellissime mezzine toscane ottocentesche e alle contemporanee macchine per la pasta fino alle pentole di design del secondo Novecento. E come non rimanere incuriositi dal primo gioco di cucina per bambini del 1898!

Il passato che si intreccia con il presente

Un’area sarà interamente dedicata agli accessori per la cucina e la tavola realizzati da sapienti giovanissimi artigiani, sperimentali e creativi, valorizzando il design innovativo e l’idea del Made in Italy, locale e localizzato! Piatti, tazze, ciotole, zuccheriere in ceramica dipinta a mano, cucchiaini da caffè, vassoi, tappi e cavatappi in resina con fiori disidratati, ciotole, taglieri, mestolame, bowl in legno e accessori eleganti e colorati che rendono più appetitosi e invitanti persino le pietanze più semplici, perché a tavola anche l’occhio vuole la sua parte.

Carta del Docente - LaFeltrinelli
Pubblicità

ll 18 e 19 marzo dalle ore 10.00 alle 21.00 presso il Garum, Biblioteca e Museo della Cucina, sito in Via dei Cerchi 87, va in scena Ficus al Massimo.

Il bellissimo palazzo storico che ci ospita e che sorge sugli argini di terra del Circo Massimo – dove si ritiene fosse ubicato il Lupercale in cui Romolo e Remo, vennero allattati dalla Lupa – sarà il palcoscenico di un weekend all’insegna della cultura, dell’arte e dello svago a ingresso gratuito.

Tra antichi ricettari, utensili e macchine per preparare il cibo, potrete ammirare le eccellenze contemporanee del ‘fatto a mano’ e conoscere personalmente gli artigiani!

L’evento vedrà la partecipazione di giovani designers, artigiani, stilisti ed artisti dell’handmade, accuratamente selezionati, che avranno modo di esporre gioielli, moda sostenibile, accessori e borse di design o dipinte a mano, home decor, ceramica, bonsai, quadri organici, radio d’epoca Bluetooth e candele. Il tutto rigorosamente fatto a mano e in Italia.

L’esposizione è articolata per ambiti creativi in modo da creare un legame stretto tra cultura, arte e artigianato, tra storia e presente, in una valorizzazione reciproca.

Un percorso tra il profumo di storia che accompagna due piani e una corte di meraviglie con l’energia speciale che il ritmo gentile del fatto a mano custodisce.

Il Museo

Girando nel Museo potrai anche ammirare la più importante, eclettica e rara collezione privata di arti e letterature culinarie esistenti al mondo che si offre, gratuitamente, al pubblico.

Si può attingere a piene mani a immensi bacini di conoscenza, perchè come dice Rossano Boscolo, fondatore del Museo, la “Cultura si deve donare”

Libri rari di cucina e le prime ricette a stampa dei piatti più amati come la mortadella, i supplì, la zuppa inglese e migliaia di arnesi, pentole, arredi, che spaziano dagli stampi barocchi per il gelato di primo Seicento alle cucine a gas degli anni Cinquanta, dalle bellissime mezzine toscane ottocentesche e alle contemporanee macchine per la pasta fino alle pentole di design del secondo Novecento. E come non rimanere incuriositi dal primo gioco di cucina per bambini del 1898!

Il passato che si intreccia con il presente

Un’area sarà interamente dedicata agli accessori per la cucina e la tavola realizzati da sapienti giovanissimi artigiani, sperimentali e creativi, valorizzando il design innovativo e l’idea del Made in Italy, locale e localizzato! Piatti, tazze, ciotole, zuccheriere in ceramica dipinta a mano, cucchiaini da caffè, vassoi, tappi e cavatappi in resina con fiori disidratati, ciotole, taglieri, mestolame, bowl in legno e accessori eleganti e colorati che rendono più appetitosi e invitanti persino le pietanze più semplici, perché a tavola anche l’occhio vuole la sua parte.


Dove alloggiare a Roma

Trova gli alloggi nelle vicinanze

Carta del Docente - LaFeltrinelli
Pubblicità